Da Cecina a Volterra e ritorno: il treno letterario nel cuore della Toscana

Amo la periferia più della città. Amo tutte le cose che stanno ai margini
(Alla periferia – Carlo Cassola)

Dalle pinete e dal mare di Cecina all’atmosfera etrusca di Volterra. La partenza e l’arrivo di sei percorsi ferroviari nel cuore della Toscana. Il rumore del treno che viaggia sulle piccole rotaie – vie di comunicazione secondarie – fa da sfondo alla storia e alla letteratura. Il viaggio si accompagna con il racconto. È l’idea dell’associazione Toscana Libri che, con l’aiuto di Regione e Comuni, ha realizzato il “Treno Letterario”. Il 13 marzo è partito per il viaggio d’inaugurazione: Cecina-Volterra-Cecina. Sulle orme dello scrittore Carlo Cassola, che nei suoi libri ha descritto la campagna toscana e le vite dei suoi abitanti di metà Novecento.

1024px-Aln_Cecina-Volterra

Il “Treno Letterario” tra Cecina e Saline di Volterra

“Il sole, ormai basso sull’orizzonte, illuminava di sbieco la scarpata che limitava da una parte il campiello e, sopra, il fianco della chiesetta e del campanile. Da dietro la siepe venivano le voci tranquille delle ragazze che s’erano spinte fin là a passeggiare. Poi le campane cominciarono a suonare per il Vespro e il loro suono lungo, profondo, alternato coprì le voci delle ragazze e i gemiti del cane”
(L’uomo e il Cane – Carlo Cassola)

Le rotaie si scaldano a Cecina, in provincia di Livorno. Una piccola cittadina sulla costa di origine etrusca. Poi si giunge alle Saline di Volterra: sorgenti d’acqua salata e rovine da esplorare. Per poco: i turisti letterari vengono subito trasferiti a Volterra, per esplorare la città. Percorsi diversi a seconda del tema. Come si legge sul programma, 13 marzo erano i luoghi di Carlo Cassola il filone da seguire. E sarà lo stesso il 29 maggio. Ma le sorprese del “Treno Letterario” si aprono anche alla storia. Due viaggi saranno dedicati alla scoperta degli etruschi (3-24 aprile) e in altri due si imparerà di più sulla vita dei romani (10 aprile e 8 maggio).

1024px-ALn668-3127_R6947_09-05-03

Ma è il viaggio con lo scrittore il punto di partenza di questa iniziativa. Nelle due escursioni dedicate a Carlo Cassola, i turisti verranno accompagnati dal critico Daniele Luti a scoprire i luoghi del romanzo breve Tempi memorabili del 1966, il più importante della sua bibliografia. “Memorabile” è la fase della vita in cui i due protagonisti si incontrano: l’adolescenza. Nelle pagine di Cassola si legge del primo amore di Fausto e Anna, durante una vacanza trascorsa sulle spiagge di Cecina.

“I giovanotti del posto avevano l’abitudine di fare una passeggiata lungo i seicento metri di spiaggia tra il Bagno Vanni e il Bagno Pellegrini. Camminavano sul banco di ghiaia vicino riva, incuranti dei ciottoli puntuti. Quelli di Cecina si consideravano del posto perché tra Cecina e Marina ci sono solo due chilometri. Volendo, avrebbero potuto farla a piedi”
(Tempi Memorabili – Carlo Cassola)

FullSizeRender

Marina di Cecina

L’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli ha spiegato l’importanza e il valore che può avere un treno che diventa una “leva culturale”, «un modo per creare nuovi itinerari adatti ai turisti ma anche ai residenti che vogliono saperne di più sul loro territorio». E poi ha continuato: «La Cecina-Saline collega due luoghi di grande bellezza e ricchi di spunti per riflessioni storiche o letterarie oltre ad esser stata essa stessa protagonista di un’opera di Cassola, Ferrovia locale. Credo che lavorando sul binomio ferrovia storica-cultura potremo raggiungere buoni risultati in termini di promozione del territorio».

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s