Da Cecina a Volterra e ritorno: il treno letterario nel cuore della Toscana

Amo la periferia più della città. Amo tutte le cose che stanno ai margini
(Alla periferia – Carlo Cassola)

Dalle pinete e dal mare di Cecina all’atmosfera etrusca di Volterra. La partenza e l’arrivo di sei percorsi ferroviari nel cuore della Toscana. Il rumore del treno che viaggia sulle piccole rotaie – vie di comunicazione secondarie – fa da sfondo alla storia e alla letteratura. Il viaggio si accompagna con il racconto. È l’idea dell’associazione Toscana Libri che, con l’aiuto di Regione e Comuni, ha realizzato il “Treno Letterario”. Continue reading

Advertisements

La ballata della cotogna di Istanbul, tra Vienna e Sarajevo

E adesso che cominci la ballata
Seguitela leggeri e soprattutto
Vi prego non chiamatela poesia
Perché il racconto mio su riga breve
È solo l’andatura delle scarpe
Quelle di Max, che ho provato a calzare
Per queste sette leghe d’avventura

È a suon di endecasillabi che Paolo Rumiz racconta una storia d’amore che dall’Austria viaggia in Bosnia, per poi spingersi fino a Istanbul. Due protagonisti “che si amano sapendo della fine già scritta nel destino, come avverte della cotogna la triste canzone”. Lui è Max e viene da Vienna, “Occhi di ghiaccio, ma una voce suadente”. Lei è Maša, che da sempre vive a Sarajevo, “la tartara dai grandi occhi e dai femori lunghi”. Si conoscono dopo che entrambi hanno già vissuto molti anni. Max scopre la bellezza di Maša e non riesce a scordarla. È una donna altera. Ha già avuto un grande amore. Ce ne sarà un secondo. Continue reading