‘Hey Harry Hey Matilda’, il primo romanzo pubblicato su Instagram

Lui si chiama Harry ed è un professore precario d’inglese. Lei si chiama Matilda ed è una frustrata artista che per vivere lavora come fotografa per matrimoni. Loro sono i gemelli Goodman e sono i protagonisti di un nuovo romanzo che per uscire ci metterà nove mesi. Rachel Hulin, la scrittrice, ha deciso di non affidarsi a una casa editrice, ma di usare tutti i mezzi a sua disposizione. Le parole, le immagini, i social network. Continue reading

Advertisements

Libri antichi e Oscar Wilde: una serata nello studio bibliografico ‘Il muro di Tessa’

Un piccolo trafiletto sulla rivista umoristica americana Life descriveva nel 1885 Oscar Wilde come un uomo tutto “hair and cheek”, con una dote innata nel tenere conferenze su arredamento e abbigliamento alla neonata borghesia americana. Il pubblico femminile d’oltreoceano amava lo scrittore – le sue guance paffutelle, ma anche la sua faccia di bronzo – le donne con molti soldi e ancor più tempo libero volevano imparare da lui l’arte dell’estetica e si accalcavano nelle sale dove discorreva di vestiti e mobilio. Nel breve trafiletto sulla rivista umoristica americana Life c’è dell’altro. Secondo il giovane giornalista cui erano probabilmente state affidate le poche righe sul più famoso e intrigante dandy della letteratura, Wilde  “was sent into the world to fulfill a special issue”. Inizia così, con un piccolo aneddoto, il racconto di Angelo, proprietario dello studio bibliografico ‘Il muro di Tessa’, sulla vita e le opere dello scrittore irlandese. Punto di partenza e di arrivo: le tante prime edizioni che conserva nei due locali del suo piccolo ma ricchissimo negozio. Continue reading