“Le storie che non conosci” per raccontare perché leggere è importante

Una dedica alla lettura. Samuele Bersani si rivolge direttamente al libro nella canzone scritta per l’evento del 23 aprile, nell’evento conclusivo della campagna mediatica #ioleggoperchè. In piazza Gae Aulenti, davanti alle telecamere di Rai 3, Milano sarà incoronata la capitale del libro 2015. Il singolo è cantato dall’autore insieme a Pacifico e con la collaborazione di Francesco Guccini. Dal 10 aprile sulle radio e su youtube, “le storie che non conosci” è un inno alla vita, quella descritta tra le pagine dei romanzi, quella dei personaggi in cui il lettore si immedesima a tal punto da trasportarli nella realtà. Distribuito da Sony Music, il brano sarà scaricabarile da tutti gli store digitali. Il ricavato andrà alla Fondazione Lia (Libri italiani accessibili), che si occupa di organizzare laboratori di lettura per bambini non vedenti a Bologna.

I libri dimenticati su un autobus, buttati in un cassetto, pieni di briciole e macchiati dagli aloni del vino versato. Ma anche i libri regalati, con una dedica scritta a mano. I libri consumati, pieni di appunti e scarabocchi. I libri che non sono oggetti come gli altri, perché contengono storie “mai di seconda mano”.

Il testo della canzone:

Chi ha dimenticato non si sa
, se ti ha lasciato andare o se in realtà 
ti sta cercando ancora nella borsa tra patente e occhiali.
Hai dedica con data se è un regalocol prezzo ben nascosto dietro a un adesivo
e hai l’aria di chi non ha un letto fisso ma si appoggia in giro.
Sarai mai stato in metropolitana, su una corriera sudamericana
in uno zaino pieno a dondolarti sopra un treno.


Arrotolati in tasca in un cappotto,chiuso nel buio di un cassetto.
Pagine unte con le briciole addosso
, cerchi olimpici di vino rosso
e una formica pietrificata del secolo scorso. 

Ci sono dei graffiti a coprire ogni fianco, spirali ipnotiche a matita in alto
e poche righe sopravvissute a un pennarello giallo.
Sarai mai stato a rischio di bruciarti o su una mensola ad impolverarti
e riscoperto da qualcuno che non ti aspettavi
.
lo hai fatto uscire da un periodo nero
, uscire fuori ancora intero.

Una storia che non conosci
 non è mai di seconda mano
è come un viaggio improvvisato
 a chilometraggio illimitato.
Una storia in cui tu ti specchi
 con i tuoi occhi da marziano
è come una lanterna
 magica che non si ferma.

Finito di stampare nel mese di agosto
 di un anno povero con poco inchiostro,
un sangue nobile che colora ogni tua parola.
Hai mai viaggiato tutta una notte,
 attraversando un temporale forte
.
Ti sei trovato aperto ad asciugare sotto al sole.
O illuminato fino alla mattina
 da una candela o da una pila.

Una storia che non conosci
 non è mai di seconda mano
è come un viaggio improvvisato
 a chilometraggio illimitato.
Una storia in cui tu ti specchi
 con i tuoi occhi da marziano
è come una lanterna
 magica che non si ferma.

Le storie che non conosci, non sono mai di seconda mano

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s