Chawton House, nel paese di Jane Austen una biblioteca al femminile

“Durante il viaggio in carrozza, Elizabeth stette a spiare con un certo turbamento il primo apparire dei boschi di Pemberly; e quando infine furono in vista del castello, il suo animo fu pervaso da una grande agitazione. […] Continuarono a risalire il parco per mezzo miglio, e si trovarono sulla sommità di un’altura dove il bosco finiva: qui l’occhio era subito colpito dalla vista del palazzo di Pemberly, sito sul lato opposto della valle, nella quale la strada svoltava bruscamente. Era un grandioso, bellissimo edificio in pietra, che si ergeva maestoso su un terrapieno a cui faceva da sfondo una catena di colline elevate e boscose; […] Elizabeth era incantata. Non aveva mai visto un luogo più favorito dalla natura, o dove la bellezza naturale fosse stata meno falsata dal cattivo gusto.”

(Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen)

Chawton House, nello Hampshire

Chawton House, nello Hampshire

La breve e intensa vita della più famosa autrice di romanzi del Regno Unito – Jane Austen – è trascorsa nel cuore dello Hampshire. Quale posto migliore per fondare un centro di studio dedicato alle prime donne scrittrici? A Chawton tutto parla di Sense and sensibiliy, Pride and prejudice, Persuasion. Il piccolo paesino è abbracciato dal South Downs national park. Al suo interno si trova una grande tenuta dove due filantropi americani, Sandra Lerner e Leonard Bosack, hanno deciso di creare un grande archivio, quasi un mausoleo, dedicato a quelle donne che, dal 1600 al 1830, hanno deciso di sfidare i luoghi comuni di una società che non prevedeva per loro nessun ruolo se non quello di angelo del focolare. Dal 1992 i due, pagando un affitto ventennale di 1.25 milioni di dollari, hanno cominciato il restauro dell’edificio e nel 2003 hanno aperto il centro di studio, associato con l’università di Southampton.

chawton-house-jane-austen

Chawton House, nello Hampshire

Scrittrici, poetesse, femministe, educatrici. Chawton House racconta tutto questo, ma anche qualcosa in più. Non a caso, infatti, è stata scelta questa immensa villa. Da secoli di proprietà della famiglia Knight, viene ereditata nel 1797 da Edward Austen. La sorella, Jane Austen, non abiterà mai in questa casa ma in un’altra, più piccola, a Chawton, dal 1809 fino alla sua morte, nel 1811. É qui che scrive i suoi romanzi più famosi, è qui che trae ispirazioni per i paesaggi che fanno da sfondo a intricate storie famigliari e sentimentali.

Tra i nomi presenti nell’archivio: Penelope Aubin, Aphra Behn, Frances Burney, Maria Edgeworth, Eliza Haywood, Charlotte Lennox, Hannah More, Sydney Owenson, Ann Radcliffe, Mary Robinson, Mary Shelley, Frances Sheridan, Charlotte Smith and Mary Wollstonecraft. Non poteva mancare il manoscritto originale di un romanzo di Jane Austen. In tutto comprende 9.000 libri.

La biblioteca di Chawton House

La biblioteca di Chawton House

Chawton House è la sede dell’Annual general meeting of Jane Austen society in Inghilterra, nonché set di alcune miniserie inglesi come “love on a branch line” e “there’s something about Austen“.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s