Il web e un hashtag per salvare gli e-book

unlibroèunlibro - say no to ebook discriminationSfruttando l’inizio del semestre europeo italiano, l’AIE, l’associazione italiana editori, ha sfruttato il luogo ormai più frequentato del pianeta, il web, per lanciare una campagna contro la “discriminazione” degli e-book. Il progetto si inserisce nella più ampia iniziativa europea per l’equiparazione degli libri elettronici ai cartacei. Utile soprattutto nel nostro paese, al penultimo posto in Europa per indice di lettura.

L’hashtag #unlibroèunlibro, che il 31 ottobre ha spopolato su twitter, creando più di 5000 conversazioni social, vuole portare l’attenzione sulla differenza di IVA nella legislazione italiana tra libri cartacei e digitali: 4% per i primi e 22% per i secondi.

La proposta ha avuto grandissimo seguito tra le case editrici (Garzanti, Einaudi, Feltrinelli, Rizzoli, Mondadori tra le più importanti), tra quotidiani e riviste (tra gli altri il Sole24Ore, la Stampa, Panorama, Wired), ma anche nella comunità di lettori italiana.

Originali le citazioni letterarie pubblicate su Twitter da Libri Mondadori, che ben si sposano all’iniziativa:

image-1image

La campagna verrà rilanciata da “Bookcity” a Milano (13-16 novembre), che ha già postato un video (https://player.vimeo.com/video/109828728) con l’hashtag, e dalla manifestazione romana “più libri e più liberi”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s